venerdì 27 maggio 2016

Vuoi dimagrire in poco tempo? È questo il tuo regime alimentare, ecco dieci cose da sapere prima di iniziare

Promette di dimagrire a tempo record, ma non deve andare oltre le due settimane perché può provocare gravi squilibri: con la dieta Plank riscopri il gusto per la leggerezza e ti disintossichi dallo zucchero. Ecco dieci cose da sapere se desideri dimagrire velocemente.


1 VELOCITÀ – La prima cosa da sapere sulla dieta Plank è che va fatta al massimo una volta all'anno per due settimane: i risultati sono visibili fin dai primi giorni, un fattore positivo in grado di aumentare autostima e tenacia. Con la dieta Plank si perde peso velocemente, tuttavia non è possibile seguire questo stile alimentare per lungo tempo. Se inizi una dieta dimagrante ricorda che è importante il parere di uno specialista, che saprà consigliarti in modo adeguato.

2 COLAZIONE – Il menù per la colazione della dieta Plank prevede caffè nero senza zucchero accompagnato da una fetta di pane sottile, oppure un piccolo panino, o qualche fetta biscottata. Puoi sostituire il caffè con il tè, a cui aggiungere una fetta di limone fresco.
3 ADDIO ZUCCHERO – La dieta Plank non prevede zucchero, ecco uno dei motivi che rendono questo regime adatto solo per brevi periodi, da utilizzare come pausa per alleggerire il lavoro del fegato e disintossicare l'organismo. È possibile sostituire lo zucchero con il miele o alternative come la stevia.
4 PRANZO – Che cosa prevede il menù per il pranzo? Sì alle proteine: bistecca alla griglia, oppure due uova sode, carni bianche come il pollo, o pesce al vapore. Come contorno è possibile accompagnare con un'insalata di pomodori, oppure altri vegetali, per esempio spinaci cotti al vapore e conditi con succo di limone.
5 COTTURA – La cucina prevista dalla dieta Plank punta sulla semplicità. Vegetali e pesce possono essere cotti al vapore, in modo da preservare valori nutrizionali e leggerezza. Grazie alla griglia la carne viene sgrassata e trova un gusto intenso, perfetto da abbinare con le verdure.
6 CONDIMENTI – No a sughi e salsine: per due settimane ritrova il piacere dell'olio extravergine crudo, da utilizzare per condire vegetali, carne e pesce. Puoi insaporire spinaci e insalata con succo di limone fresco.
7 CENA – La dieta Plank prevede una cena leggerissima: frutta a scelta e uno yogurt magro, oppure due uova sode con carote, sedano o spinaci, oppure un'insalata mista da accompagnare con prosciutto cotto o una bistecca.
8 DOMENICA – La cena della domenica sera, sia durante la prima settimana, sia nell'ultimo giorno previsto dalla dieta Plank, è libera: è possibile mangiare tutto ciò che si desidera… senza esagerare! Imparare l'arte della moderazione ti permetterà di ritrovare la forma e mantenere la salute.
9 MERENDA – La dieta Plank non prevederebbe merende, né uno snack per spezzare il pomeriggio. Tuttavia, soprattutto nei primi giorni è possibile combattere gli eventuali attacchi di fame con frutta fresca, tisane non zuccherate e miscele di fiori.
10 STRATEGIE – Grazie alla presenza delle proteine e l'assenza di carboidrati il regime prevede un dimagrimento rapido, tuttavia non può essere protratto oltre le due settimane. Il ritorno a un'alimentazione bilanciata insieme alla pratica regolare di un'attività fisica nel corso della settimana ti aiuterà a mantenerti vitale e in forma.

Impara a spalmare la crema con un auto-massaggio drenante

La crema, così come l'utilizzo di un olio naturale,  può rivelarsi un alleato fondamentale nel benessere quotidiano. Tuttavia, accade spesso di applicarla velocemente e in modo sommario: rallenta il ritmo e aggiungi un pizzico di passione ai tuoi gesti. Non si tratta di imparare i movimenti degli esperti, bensì iniziare a conoscere e toccare con più consapevolezza il proprio corpo per effettuare un auto-massaggio drenante.


GAMBE GONFIE – Lunghe ore in piedi o seduti a una scrivania possono acutizzare ristagni e problemi di circolazione. Se ti senti le gambe gonfie e pesanti a fine giornata l'abitudine al pediluvio diventa un vero e proprio toccasana: aggiungi bicarbonato o sale grosso, rosmarino e qualche goccia di olio essenziale di lavanda o tea tree, che aiuterà a sgonfiare. Dopo aver asciugato la pelle, è il momento della crema. Per aiutare la circolazione il senso deve essere sempre dal basso verso l'alto. Procedi dalla caviglie verso le ginocchia e poi dalle cosce alla pancia, fino ad arrivare al collo e al viso.

MOVIMENTI – Sii dolce e al tempo stesso conferisci al movimento energia, vitalità, entusiasmo. Di frequente stendiamo la crema o l'olio in modo superficiale e frettoloso: al contrario stimolare l'epidermide con frizioni profonde aiuta il microcircolo, permette un nutrimento profondo e scioglie la tensione muscolare, favorendo il miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica.

PUNTI CRITICI – Soffermati su caviglie, ginocchia e zona inguinale. La zona dietro le caviglie, in corrispondenza del tendine d'Achille, è fondamentale per stimolare i vasi linfatici: con i polpastrelli, premi e rilascia dolcemente, più volte. Ricorda che il massaggio deve essere effettuato in senso rotatorio e va fatto con decisione, ma altrettanta dolcezza.

COSCE E GLUTEI – Con il palmo o tutta la mano esegui uno sfioramento con le dita. Muovi ritmicamente la mano alternando la sinistra alla destra: oltre a rilassare, questo semplice movimento aiuta a sciogliere i tessuti e contribuisce a eliminare le tossine, migliorando il flusso dei liquidi. Ricorda di esercitare una pressione più forte quando sali e più debole quando la mano scende verso il basso.

VISO – Alla base del collo si trova un importante nodo linfatico. Con le mani sfiora il collo nel senso della lunghezza, dal petto verso l'alto. Appoggia i due pollici sotto al mento e con i polpastrelli di entrambe le mani accarezza l'epidermide, sentendo zigomi e linea della fronte. Procedi dall'osso della mandibola verso le orecchie, dove si trova un altro punto importante per la circolazione linfatica. Per aiutare il drenaggio evita di interromperti bruscamente e asseconda il flusso, con movimenti morbidi e circolari. Lascia spazio al piacere e prenditi il tempo che ti serve per ritrovare il contatto con le tue sensazioni profonde.

mercoledì 25 maggio 2016

Gravidanza indesiderata? Ecco i mille modi per restare incinta tra realtà e falsi miti

La gravidanza a sorpresa. Evitare una gravidanza indesiderata è tutta questione di educazione sessuale. Ma quando in casa o a scuola le informazione sulle conseguenze dell'amore sono carenti, se non addirittura inesistenti, ci si affida alla sorte e, soprattutto, ci si appiglia a credenze sul sesso tramandate ormai di generazione in generazione, spesso più fondate sul 'sentito dire' che su reali basi scientifiche. Ma è sempre tutto vero? Non proprio, anzi. Il più delle volte si tratta non solo di falsi miti, ma anche di consigli del tutto controproducenti. 

A tentare di fare il punto sull'argomento è FEMAIL, il 'braccio rosa' della redazione del Mail Online che ha girato dubbi e domande sul concepimento agli esperti del servizio sanitario australiano.  Una cosa di cui non tutti sono coscienti - spiega il quotidiano - è che non è sempre necessaria la penetrazione per concepire. Una eventualità potenzialmente molto pericolosa soprattutto per gli adolescenti dediti al 'petting': le donne possono infatti rimanere incinte attraverso il cosiddetto 'accoppiamento asciutto', cioè quando un uomo e una donna si strusciano l'uno contro l'altra senza penetrazione. Non si tratta certo di un'eventualità molto comune, ma è comunque possibile: "Se lo sperma entra in contatto con la vagina allora c'è il rischio di una gravidanza", spiegano gli esperti del 'Family Plannining' australiano. Che sottolineano anche come gli indumenti intimi non possano essere considerati una barriera sicura, dal momento che il seme potrebbe facilmente bagnare boxer e mutandine. Un evento raro, ma comunque non privo di rischi.  Se la credenza secondo cui è possibile rimanere incinte nuotando in una piscina dove un uomo ha eiaculato rientra fra le leggende metropolitane, anche l'adagio secondo il quale l'allattamento impedirebbe la fecondazione agendo come contraccettivo naturale non è certo da meno. Anche se l'allattamento al seno fino a sei mesi dopo la nascita può in effetti ridurre le probabilità di concepire, non si tratta di un metodo efficace al 100% e non esiste alcuna prova scientifica a supporto di questa tesi. Tra le paure espresse agli esperti, la possibilità di una gravidanza derivata da rapporti esclusivamente orali o anali. Paure evidentemente infondate, così come infondato risulta il timore di concepire durante la menopausa, fase ormai non più fertile nella vita di una donna.  Un 'evergreen' delle cose da non fare se si vuole evitare una gravidanza indesiderata è praticare il coito interrotto. Ma sono ancora in molti a credere che si tratti di un valido metodo contraccettivo, sbagliando di grosso: "Una gravidanza può capitare anche se il pene viene estratto dalla vagina prima dell'eiaculazione - spiegano gli esperti - dal momento che anche una piccola quantità di seme contenuto nei fluidi espulsi prima dell'eiaculazione possono entrare in contatto con la vagina".  Pericoloso, infine, anche tentare la via del conteggio dei giorni fertili. Astenersi dal sesso nel periodo fertile di una donna, e fare sesso non protetto per tutto il resto del mese, non previene alcun rischio di gravidanza. Le donne, infatti, possono rimanere incinte durante ogni fase del ciclo mensile, inclusa quella del flusso mestruale.

Shampoo ai capelli, ecco alcuni errori che potrebbero essere fatali

Lavarsi i capelli è un gesto oer molti quotidiano, ormai automatico, che si compie senza fare caso a cosa si sta facendo. Ma per curare al meglio la propria chioma sarebbe meglio prestare delle attenzioni che non tutti sanno. Spesso lo shampoo si applica nel modo sbagliato, si usa in modo scorretto il pettine, si applicano prodotti senza che ce ne sia l’effettivo bisogno, o viceversa. 

Per una buona cura dei capelli basta quindi seguire dei semplici consigli.Lo shampo va applicato al centro della testa e non sa sopra per evitare di stressare la cute e favorire la perdita dei capelli.  I capelli non vanno sfregati, il cuoio va massaggiato con delicatezza cercando di massaggiare ciocca per ciocca.  Cercare di non lavarsi i capelli con troppa frequenza, e a tal riguardo va aggiunto che solitamente i capelli grassi tendono a rimanere tali proprio per l’elevato numero di shampoo.  Non usare acqua troppo calda perchè potrebbe causare desquamazione del cuoio capelluto, quindi è buona norma risciacquare con acqua fresca lo shampoo.  Non usare troppe maschere, riducendone l’uso per una volta a settimana , così come non è il caso di usare in modo troppo frequente lo shampoo secco perché comqunque non elimina completamente lo sporco.  Il balsamo va applicato solo nelle punte e così come lo shampoo sempre sui capelli umidi.


venerdì 20 maggio 2016

Occhi secchi e stanchi? Ecco la soluzione per chi lavora davanti al computer

Allevia la secchezza oculare, riduce l'affaticamento da computer e simili, combatte il prurito da allergia. E' lo 'Eye Yoga', una nuova tendenza che si sta diffondendo negli Stati Uniti. L'oculista Dilip Darjee ha spiegato al Daily Mail il suo allenamento per facilitare la ripresa degli occhi stanchi, un problema sempre più comune tra chi lavora al computer. Si tratta di sei esercizi mattutini per allenare i muscoli che muovono il bulbo oculare. 

 Iniziare con lo stretching   
Appena svegli, bisogna iniziare con un po' di stretching. Ci si siede a gambe incrociate e ci si concentra sulla respirazione. Intanto, si muovono gli occhi concentrando lo sguardo prima su e poi giù per cinque volte. Poi si chiudono gli occhi. Dopo qualche istante si rifà l'esercizio guardando, però, a destra e a sinistra. Dopodiché l'esercizio si ripete muovendo gli occhi in diagonale: quindi, dall'angolo destro alto all'angolo sinistro basso per cinque volte; dall'angolo sinistro alto a quello destro basso per altre cinque volte. Concluse le quattro fasi, si strofinano i palmi delle mani e li si poggia sugli occhi. Come spiega l'oftalmologo Andrew Bridges al Daily Mail: "Riscaldare le mani e porle sugli occhi dovrebbe aiutare a stimolare le lacrime e a lubrificare gli occhi secchi".  Sviluppare la vista  Tenendo una penna in mano, si distende il braccio e si focalizza lo sguardo sulla penna. Questa va lentamente avvicinata al naso, senza mai interrompere il contatto degli occhi con essa. Ripetuto dalle cinque alle dieci volte, l'esercizio aiuta a migliorare la concentrazione e a rinforzare i muscoli dell'occhio.  Rilassare i muscoli oculari  Dopo aver riscaldato i palmi delle mani per riscaldari, si posizionano delicatamente ad arco sopra le palpebre senza toccarle. L'esercizio va ripetuto tre volte, ovviamente ad occhi chiusi. Dopo gli occhi saranno riposati e rilassati. L'oftalmologo Bridges suggerisce anche una variante all'esercizio: "Potrebbe funzionare ancora meglio utilizzando un impacco caldo da porre sulle palpebre".  Strizzare un po' lo sguardo  Aprire e chiudere gli occhi molto in fretta dovrebbe idratarne e rilassarne i muscoli. Serrare le palpebre con fermezza per tendere i muscoli degli occhi e tenerli in questa posizione per tre secondi, quindi riaprirli rapidamente. Ripetendolo almeno quattro volte, le palpebre saranno lubrificate e idratate. Attenzione, però, a non chiuderle troppo.  Piangere per ripulire gli occhi  Le lacrime liberano gli occhi da polvere e materiale dannoso. Ma è impossibile piangere a comando una volta al giorno, quindi il dottor Darjee ha ideato un'esercizio che va fatto solo subito prima di mettersi a letto. Ci si siede a gambe incrociate su un cuscino e si fissa la fiamma di una candela posta a un metro di distanza. Non appena gli occhi iniziano a pizzicare, si deve smettere. Dopo l'esercizio sarebbe utile rilassarsi per dieci minuti.  Combattere le borse  Il gonfiore e le borse che appesantiscono lo sguardo sono un effetto della ritenzione dei liquidi. Infatti, quando si dorme gli occhi non fanno il solito movimento 'apri-chiudi', quindi accumulano liquidi. Battere le palpebre per circa trenta secondi dovrebbe contribuire a sbarazzarsi più in fretta dei liquidi in eccesso.

venerdì 13 maggio 2016

Botulino per le rughe del viso? Ecco la conseguenza inaspettata che spunta fuori solo adesso

Per essere sempre belle e restare giovani molte donne ricorrono a delle punture di botulino ma l'effetto e ben più complesso della semplice levigazione delle rughe.  Le 'punturine' di botulino nei muscoli del viso "hanno un effetto non facilmente prevedibile: minano la capacità di comprendere le espressioni nel viso degli altri". 


Le infiltrazioni di botulino infatti inducono "la paralisi dei muscoli facciali, temporanea per fortuna, che questa tossina provoca peggiora la nostra capacità di cogliere il significato delle espressioni sul viso degli altri”, afferma Jenny Baumeister, ricercatrice della Scuola Internazionale di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste prima autrice di uno studio pubblicato sulla rivista 'Toxicon' (al quale ha collaborato anche l’ospedale di Cattinara, di Trieste).  "Questa conseguenza dipende - spiega lo studio della Sissa - da un temporaneo blocco del feedback propriocettivo, il processo che ci aiuta a comprendere le emozioni degli altri riproducendole su noi stessi". L'intuizione di Jenny Baumeister ha origine in una teoria scientifica molto nota, quella dell''embodiment'.  "L'idea è che il processamento a livello cognitivo delle informazioni a contenuto emotivo, per esempio le espressioni del viso, passi anche attraverso la riproduzione delle stesse emozioni sul nostro corpo - avverte lo studio - Come dire che quando osserviamo un sorriso, la nostra faccia tende a sorridere a sua volta (spesso in maniera impercettibile e incosciente) mentre cerchiamo di capire la natura di quell'espressione. Se però i nostri muscoli sono paralizzati dal botulino, ecco che il processo può diventare più difficile".  Jenny Baumeister ha sottoposto a una serie diversificata di test per valutare la comprensione delle espressioni emotive un campione di soggetti, immediatamente prima e dopo un paio di settimane da un trattamento estetico a base di botulino, e le ha confrontate con le stesse misure in un campione analogo di soggetti che però non hanno ricevuto alcun trattamento. Non importa quale fosse il tipo di misura (giudizi o tempi di reazione), l'effetto della paralisi era evidente.  L'effetto negativo è molto chiaro quando le espressioni osservate non sono molto marcate. "Quando il sorriso è aperto ed evidente, i soggetti non hanno invece difficoltà a riconoscerlo, anche se sono stati sottoposti al trattamento - spiega Francesco Foroni, ricercatore della Sissa che ha coordinato lo studio - Per gli stimoli molto intensi la differenza nella prestazione, pur osservando una chiara tendenza al peggioramento, non era significativa.Per gli stimoli 'ambigui' invece, più difficili da cogliere, l'effetto della paralisi era molto forte".

giovedì 12 maggio 2016

Trend manicure: gli smalti per la bella stagione

La primavera porta aria di rinnovamento soprattutto in fatto di make up: sfoggiare mani e piedi curati e alla moda è importante 365 giorni l'anno... figuriamoci con i primi caldi, quando, la manicure si mette in mostra. Gli smalti di grande attualità sono quelli nei colori freddi, ma ci si può sbizzarrire anche con le tonalità fluo, dark e colorate. Per chi ama lo smalto in gel, invece, è in arrivo un esclusivo sistema in due step per una manicure dal colore intenso e dalla brillantezza effetto gel a lunga durata.

E' proprio il nude il grande protagonista delle unghie 2016, nelle tonalità del rosa tenue, del beige e del sabbia, fino al greige, nuance chic e alla moda della manicure al naturale. Le unghie chiare, infatti, non conoscono più stagione: si declinano in tutte le versioni per sedurre e conquistare. Una tendenza che torna alla ribalta per la prossima stagione estiva, per mani che si fanno notare con un’eleganza dai toni morbidi. Il minimal, protagonista indiscusso delle passerelle, riveste le unghie di luce e femminilità: come la linea Collistar che firma 11 diverse declinazioni white, ciascuna distinta in lucentezza e finish.
Mai eccessivo, il bianco si rivela ora più che mai in tutto il suo splendore e ravviva il colore della pelle abbronzata, valorizzando anche gli incarnati più difficili ed esaltando la forma delle dita. Una sfumatura per ogni occasione, perché un bianco non vale l’altro: nella nuance ghiaccio, il bianco è protagonista assoluto e firma uno chic estremo, il perla, invece, lascia spazio a sfumature rosate per un risultato più romantico e delicato. Per chi ama l’effetto gesso, perfetto nella stagione estiva, la doppia passata è il segreto.

Orchidea, camelia, tulipano, ranuncolo, frangipane e peonia sono le sei tonalità di Pupa ispirate alla natura: esotiche e delicate, sono un trionfo floreale racchiuso in una palette elegante e raffinata. Accanto alle sfumature eccentriche e ai colori intensi, il make-up torna in punta di piedi al “nude look”: il trucco che c’è ma non si vede. Le mani si vestono di tinte soft, dal bianco perla al rosa chiaro: colori che esaltano il look di ogni donna, facili da indossare perchè estremamente trasversali e capaci di sublimare la bellezza naturale. Da Oltreoceano, invece, Deborah Lippmann, la famosa manicurista statunitense amata dalle star, ha creato una linea di smalti e trattamenti per le unghie che contengono biotina, tè verde ed estratto di aucoumea klaineana. Ogni smalto, dal rosa al rossa, dal nude al dark, porta il titolo di una canzone: gli ingredienti botanici rafforzano, idratano, promuovono la crescita e contrastano lo sfaladamento dell’unghia.

Al polo opposto, incontriamo le nuance più estive e colorate: se siete amanti del colore la tonalità più modaiola è il viola, merito della maison Chanel che ha scommesso su un’unica nuance, la 683 Sunrise Trip, un blu violaceo oltremare. Accanto a questa, però, non smettono di stancare i grandi glassici: dal rosso corallo al verde bottiglia, dal fucsia al blu elettrico. Non possono mancare i colori della linea "le duo vernis", una nuova formula che si prende cura delle unghie, rinforzandone la durezza e migliorandone la qualità. Dopo aver applicato quello che più vi piace, potete prolungare la tenuta con il gel coat che dona una brillantezza estrema. L' effetto gel, infatti, mette in risalto i colori splendenti dello smalto per un risultato perfetto e impeccabile. Compatto e resistente, il gel resiste alle abrasioni limitando così le sbeccature. Grazie alla sua nuova formula più sicura (priva di stirene e con una limitata presenza di fenoli), lo smalto garantisce una migliore stabilità e omogeneità del colore.
Per tutte le ragazze che non sanno rinunaciare a mani sempre in ordine è in arrivo un nuovo smalto super gel che realizza una manicure degna di qualsiasi salone di bellezza: il prodotto, ideato da Rimmel, utilizza una tecnologia di polimerizzazione grazie alla luce naturale per unghie ultra brillanti…comodamente a casa tua. Semplice da applicare, si asciuga come un normale smalto, ma senza bisogno di lampada UV. Il risultato? Un impeccabile effetto glossy 3D, proprio come quello di una manicure gel professionale…senza perdite di tempo e senza arrecare danno alle unghie. Quando vorrete cambiare colore, basterà usare un normale solvente per unghie senza dovere procedere con alcun impacco.

Post più popolari